Skip to Main Content

2018 Italy Spencer Stuart Board Index

2018 Italy Spencer Stuart Board Index

L’Italy Board Index 2018 si focalizza sui Consigli di Amministrazione delle prime 100 società italiane per capitalizzazione a Febbraio 2018, incluse le maggiori dell’indice FTSE MIB. In questa 23° edizione emergono i seguenti highlights:

  • il 53% delle società non prepara un piano di successione strutturato del CEO, dato in calo rispetto al 58% dello scorso anno
  • il 32,3% delle cariche consiliari è ricoperto da donne (in linea con quanto richiesto dalla normativa)

L’Italy Board Index 2018 si focalizza sui Consigli di Amministrazione delle prime 100 società italiane per capitalizzazione a Febbraio 2018, incluse le maggiori dell’indice FTSE MIB. In questa 23° edizione emergono i seguenti highlights:

  • il 53% delle società non prepara un piano di successione strutturato del CEO, dato in calo rispetto al 58% dello scorso anno
  • il 32,3% delle cariche consiliari è ricoperto da donne (in linea con quanto richiesto dalla normativa)
  • solo il 9% delle donne ha un ruolo esecutivo, e il 38% delle donne ha un background manageriale. La maggior parte dei Consiglieri donne (44%) hanno un profilo Accademico o sono Professioniste (Revisori, Avvocati, Consulenti)
  • il 48% dei Presidenti ha un ruolo esecutivo e solo l’11% dei Presidenti è indipendente, dato leggermente in crescita rispetto al 10% dello scorso anno
  • Il 70% delle società incluse nell’indice FTSE Mib ha una maggioranza di Consiglieri indipendenti nel proprio Consiglio di Amministrazione
  • bonus e altri incentivi pesano per il 41% nel pay-mix medio dell’AD, in crescita rispetto al 36% dello scorso anno

Il Board Index 2018 si concentra sull’importanza della composizione del Consiglio di Amministrazione al fine di garantire l'efficacia del Consiglio stesso. E’ essenziale garantire da un lato la continuità dei Consigli di Amministrazione e dall’altra promuovere il rinnovo dei componenti. L’edizione del 2018 riprende alcune proposte tra cui la possibilità da parte dei board uscenti di presentare le proprie liste all’Assemblea e suggerisce l'introduzione di limiti di età e numero di mandati dei Consiglieri. Contestualmente anche lo staggered board, ovvero lo scaglionamento nel tempo delle nomine del Consiglio, sembra uno strumento congruo a garantire un costante rinnovo del Consiglio.

Particolare attenzione è rivolta ai principi ESG e alla rilevanza della sostenibilità in un prospettiva di lungo periodo, e non solo sotto l'aspetto finanziario. Infine, una nuova sfida per i Consigli di Amministrazione – in quanto gruppo di persone che lavorano in team – risiede nell’analisi e comprensione della propria cultura prevalente.


The 2018 Italy Board Index focuses on the boards of directors of the top 100 Italian listed companies by market capitalization as of February 2018, including FTSE MIB. Here are the highlights of this 23rd edition:

  • 53% of companies do not prepare a structured CEO succession plan (decreasing from last year 58%)
  • 32,3% of board positions are held by women (in line with the “Quota Law” requirements)
  • only 9% of women have and executive role, and 38% of women have a managerial career background. Most of the female Directors (44%) are either an University Professor, an Auditor, a Lawyer or an Advisor
  • 48% of Chairmen have an executive role and only 11% of Chairmen are independent, slightly increasing from 10% last year
  • 70% of companies listed in the FTSE Mib index have the majority of independent Directors in their Boards
  • 41% of the average pay for CEOs consists of bonuses and other incentives, increasing from last year data of 36%

The 2018 Board Index focuses on the importance of Board Composition to guarantee the effectiveness of the Board itself. Proper continuity of the Boards of Directors and board membership renewal mechanisms are key. The 2018 edition reiterates some proposals including the possibility for outgoing boards to submit their lists to the AGM and suggest the introduction of age limit and directors' mandates number as possible “gates”. At the same time, it supports staggered appointments in order to allow the combination of continuity and renewal within the board.

Particular attention is paid to the ESG principles and the relevance of sustainability of the company in the long term not only under the financial aspect. Finally, the new challenge for the Boards – as a group of individuals working in team – is understanding their preeminent culture.

  • solo il 9% delle donne ha un ruolo esecutivo, e il 38% delle donne ha un background manageriale. La maggior parte dei Consiglieri donne (44%) hanno un profilo Accademico o sono Professioniste (Revisori, Avvocati, Consulenti)
  • il 48% dei Presidenti ha un ruolo esecutivo e solo l’11% dei Presidenti è indipendente, dato leggermente in crescita rispetto al 10% dello scorso anno
  • Il 70% delle società incluse nell’indice FTSE Mib ha una maggioranza di Consiglieri indipendenti nel proprio Consiglio di Amministrazione
  • bonus e altri incentivi pesano per il 41% nel pay-mix medio dell’AD, in crescita rispetto al 36% dello scorso anno

Il Board Index 2018 si concentra sull’importanza della composizione del Consiglio di Amministrazione al fine di garantire l'efficacia del Consiglio stesso. E’ essenziale garantire da un lato la continuità dei Consigli di Amministrazione e dall’altra promuovere il rinnovo dei componenti. L’edizione del 2018 riprende alcune proposte tra cui la possibilità da parte dei board uscenti di presentare le proprie liste all’Assemblea e suggerisce l'introduzione di limiti di età e numero di mandati dei Consiglieri. Contestualmente anche lo staggered board, ovvero lo scaglionamento nel tempo delle nomine del Consiglio, sembra uno strumento congruo a garantire un costante rinnovo del Consiglio.

Particolare attenzione è rivolta ai principi ESG e alla rilevanza della sostenibilità in un prospettiva di lungo periodo, e non solo sotto l'aspetto finanziario. Infine, una nuova sfida per i Consigli di Amministrazione – in quanto gruppo di persone che lavorano in team – risiede nell’analisi e comprensione della propria cultura prevalente.


The 2018 Italy Board Index focuses on the boards of directors of the top 100 Italian listed companies by market capitalization as of February 2018, including FTSE MIB. Here are the highlights of this 23rd edition:

  • 53% of companies do not prepare a structured CEO succession plan (decreasing from last year 58%)
  • 32,3% of board positions are held by women (in line with the “Quota Law” requirements)
  • only 9% of women have and executive role, and 38% of women have a managerial career background. Most of the female Directors (44%) are either an University Professor, an Auditor, a Lawyer or an Advisor
  • 48% of Chairmen have an executive role and only 11% of Chairmen are independent, slightly increasing from 10% last year
  • 70% of companies listed in the FTSE Mib index have the majority of independent Directors in their Boards
  • 41% of the average pay for CEOs consists of bonuses and other incentives, increasing from last year data of 36%

The 2018 Board Index focuses on the importance of Board Composition to guarantee the effectiveness of the Board itself. Proper continuity of the Boards of Directors and board membership renewal mechanisms are key. The 2018 edition reiterates some proposals including the possibility for outgoing boards to submit their lists to the AGM and suggest the introduction of age limit and directors' mandates number as possible “gates”. At the same time, it supports staggered appointments in order to allow the combination of continuity and renewal within the board.

Particular attention is paid to the ESG principles and the relevance of sustainability of the company in the long term not only under the financial aspect. Finally, the new challenge for the Boards – as a group of individuals working in team – is understanding their preeminent culture.